Notizie dal Centro Camo, sulle attività della clinica e del dottor Lucio Buratto

Miopia, un difetto visivo al femminile?

Come abbiamo già avuto occasione di ribadire sulle pagine di questo magazine, la miopia è il difetto visivo più diffuso al mondo. Ed è in costante aumento. Diversi sono i fattori corresponsabili della smisurata diffusione e della massiccia incidenza della miopia. Tra questi, spiccano la maggiore scolarizzazione e l’uso sempre più invasivo delle tecnologie. Alcuni studiosi hanno visto nella cosiddetta “epidemia miopica” una risposta evolutiva rispetto alle nuove esigenze visive dell’uomo contemporaneo. Altri, invece, si sono soffermati sull’associazione tra genere femminile e miopia. Insomma, la miopia è anche un difetto visivo a maggior incidenza femminile? Colpa degli ormoni? Sembra proprio di sì.

Multifattorialità della miopia

Il ruolo dell’interazione tra geni ed altri fattori

La miopia fa il suo esordio solitamente in età pediatrica ed è determinata da un insieme di fattori. Tra questi citiamo i fattori genetici, quelli ambientali, quelli legati agli stili di vita, quelli ormonali. Ad oggi, secondo gli studiosi, il connubio tra genetica ed ambiente è quello che incide maggiormente sullo sviluppo del difetto visivo. Se da un lato i geni responsabili dell’insorgenza della miopia sono oltre 100, dall’altro essa è determinata dal modo in cui questi geni interagiscono con l’ambiente, con gli stili di vita e con l’istruzione. Il risultato di questo legame così indissolubile tra diversi fattori fa sì che le mutazioni acquisite divengano con il tempo ereditarie. Un meccanismo ampiamente indagato da quella branca della genetica chiamata epigenetica

Lockdown, attività svolte tra le mura domestiche, uso massiccio dei device elettronici

Oltre ai fattori sopracitati, che spiegano in parte il perché la miopia stia di fatto dilagando nel mondo contemporaneo, è necessario tenere in considerazione come alcuni eventi storici abbiano dato un’ulteriore spinta alla diffusione della cosiddetta epidemia miopica. Un esempio su tutti è dato dal lockdown dei primi mesi del 2020. Secondo una ricerca scientifica pubblicata sulla prestigiosa rivista Jama Ophtalmology, il numero di bambini tra i 6 e i 9 anni affetti da miopia durante quel preciso periodo storico è triplicato. E per quanto riguarda i bambini di età superiore ai 9 anni, le percentuali non si sono dimostrate coerenti con quanto avvenuto negli anni precedenti. Tra i fattori responsabili di questo peggioramento, le ore trascorse tra le mura domestiche, durante le quali gli occhi dei piccoli sono stati impegnati in attività da vicino, come la lettura o l’uso di innumerevoli device elettronici per motivi di studio, di gioco, di intrattenimento e di socializzazione. 

Genere e sesso: quanto pesano sulla diffusione della miopia?

E perché la miopia sembra essere un difetto visivo al femminile?

Secondo i risultati di una ricerca condotta recentemente da un team di medici e studiosi di Reggio Calabria, a pesare sull’incidenza della miopia sarebbe anche il genere. A farne le spese sarebbero proprio le bambine, maggiormente colpite dalla miopia in tutte le sue forme, sia semplice che patologica e degenerativa. Nello specifico, i ricercatori hanno preso in esame la salute visiva (con riferimento ai difetti visivi) di un gruppo di bambini/e dagli 0 ai 14 anni nel periodo compreso tra il 2007 ed il 2020.

I risultati emersi sono i seguenti: 

  • il 17% dei bambini sulla totalità (sia maschi che femmine) ha mostrato la presenza di vizi di rifrazione;
  • le femmine hanno manifestato difetti visivi per un 14% in più rispetto ai maschi;
  • per quanto riguarda la miopia, essa si è manifestata maggiormente nelle femmine, con un’incidenza del 22% superiore rispetto ai maschi. Tale percentuale include la miopia in tutte le sue manifestazioni, da quella semplice sino a quella degenerativa.

Perché la miopia è un difetto che colpisce maggiormente le femmine?

Come detto, la miopia fa il suo esordio in età pediatrica ed evolutiva. La ragione della maggior incidenza del difetto visivo tra le bambine e ragazzine è da individuare in cause di tipo ormonale. Laddove la miopia insorga tra i 10 ed i 14 anni in ragazzine che hanno raggiunto la pubertà, il fattore ormonale non è pertanto trascurabile. In aggiunta a ciò, si consideri che le ragazzine sono maggiormente inclini a leggere, studiare, dipingere o consultare i device elettronici. Mentre i ragazzini tendono a prediligere maggiormente le attività all’aria aperta.

Qualche consiglio per i genitori

Come detto, la miopia fa la sua comparsa per un insieme di concause. E non sempre è evitabile. Tuttavia, abituare i bambini ad uno stile di vita sano è fondamentale per preservare al meglio la loro salute visiva. Si consiglia pertanto di:

  • invogliare i piccoli a trascorrere del tempo di qualità all’aria aperta, in tutte le stagioni;
  • somministrare una dieta varia e sana, con frutta e verdure di stagione, carne bianca e pesce azzurro;
  • assicurarsi che i bambini bevano molta acqua nell’arco della giornata;
  • non mancare agli appuntamenti con la prevenzione, recandosi periodicamente dall’oculista per una visita di controllo.

Vuoi saperne di più?

Prenota la tua visita specialistica chiamando dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 19.00 il numero 02 636 1191.

Degenerazione Maculare Senile, il futuro della terapia

La degenerazione maculare senile è una delle patologie oculari più comuni e insidiose. Anche la cataratta è una patologia legata a doppio filo al tempo che avanza. Ma mentre quest’ultima si cura in modo tutto sommato agevole ed indolore grazie ad un intervento specifico, non possiamo affermare la stessa cosa per la maculopatia senile. Sicuramente le iniezioni intravitreali offrono buone prospettive in termini di gestione e controllo della patologia. Vediamo cos’altro si profila all’orizzonte, e se chi è affetto da degenerazione maculare senile potrà trovare, in un futuro non troppo lontano, nuove prospettive terapeutiche capaci di migliorare sensibilmente la sua qualità visiva e di vita.

Cos’è la degenerazione maculare senile

La degenerazione maculare senile – o maculopatia senile – causa un progressivo ed irreversibile deterioramento dei fotorecettori presenti sulla porzione centrale della retina. Quest’ultima è chiamata appunto macula, ed è fondamentale:

  • per la percezione dei colori, poiché è fittamente punteggiata di preziosissimi fotorecettori detti coni e bastoncelli;
  • per la visione centrale, a causa della sua posizione sulla retina, retrostante la pupilla e il cristallino

Nella Degenerazione Maculare Senile, i fotorecettori vanno incontro a deterioramento e morte. La conseguenza è una progressiva perdita di visione centrale. Chi è affetto dalla patologia sperimenta difficoltà visive sempre più importanti con riferimento al centro del campo visivo. La patologia si può manifestare in due varianti: una secca o atrofica, particolarmente difficile da trattare, e una umida o essudativa. Quest’ultima si tratta con risultati soddisfacenti attraverso le iniezioni intravitreali.

Cosa sono le iniezioni intravitreali 

Le iniezioni intravitreali sono minuscole iniezioni eseguite da mano esperta all’interno del bulbo oculare. Il farmaco anti-VEGF iniettato ha l’obiettivo di inibire la proliferazione di neovasi a livello sottoretinico e di fermare la progressione della patologia. Sfortunatamente è impossibile recuperare la funzionalità dei fotorecettori deteriorati. Il protocollo di iniezioni intravitreali ha tuttavia la capacità di porre un freno all’avanzamento della patologia, con risultati tangibili e durevoli nel tempo.

A proposito di iniezioni intravitreali, è fondamentale tener presente due aspetti:

  1. per ottenere i risultati auspicati è importante seguire pedissequamente il protocollo indicato dallo specialista, rispettando le cadenze indicate ed evitando di rimandare gli appuntamenti;
  2. si consiglia di rivolgersi ad una struttura sanitaria d’eccellenza nella quale trovare specialisti esperti, dotati di grande competenza e notevole manualità nella somministrazione delle iniezioni.

Degenerazione maculare senile: nuove prospettive terapeutiche all’orizzonte

E’ notizia di questi giorni che la Food And Drug Administration americana (FDA) ha dato il via libera alla messa in commercio negli Stati Uniti d’America di un nuovo dispositivo per il trattamento della Degenerazione Maculare Senile di tipo essudativo. Il trattamento non è ancora disponibile in Italia. Si tratta di un minuscolo impianto collocato all’interno dell’occhio tramite una breve seduta chirurgica eseguibile in ambiente ambulatoriale. L’impianto è pensato per rilasciare localmente il farmaco anti-VEGF e consentire al paziente di ridurre il numero di sedute per le iniezioni intravitreali. E in alcuni casi persino sospenderle.

In questo modo il paziente ottiene un’autonomia di 6 mesi rispetto alla necessità di sottoporsi alle sedute per le iniezioni intravitreali. Che, seppur indolori, possono essere una fonte di stress. Susvimo, questo è il nome del dispositivo, è ricaricabile e ben tollerato. Sarà comunque lo specialista, di caso in caso, ad indicare quale sia la strada migliore da intraprendere per trattare la Degenerazione Maculare Senile con successo.

Vuoi saperne di più?

Prenota la tua visita specialistica chiamando dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 19.00 il numero 02 636 1191.

Lenti a contatto smart: cosa sono? – Parte 2

Le lenti a contatto smart promettono di migliorare sensibilmente la qualità di vita e la capacità visiva di tanti pazienti affetti da ipovisione o affetti da determinate patologie. Si tratta di dispositivi intelligenti ad altissimo apporto tecnologico. Molti di essi oggi sono ancora in fase di sperimentazione. Sono dotati di peculiarità e funzionalità interessanti e potenzialmente rivoluzionarie: dall’assistenza nei confronti di pazienti affetti da gravi stati di ipovisione, sino alla misurazione di diversi parametri misurabili, quali livelli di glucosio ma anche colesterolo, ioni di potassio e sodio. Vediamo insieme nuove proposte attualmente al vaglio della scienza medica, con l’aiuto della Dott.ssa Maria Luisa Verbelli del Centro Ambrosiano Oftalmico.

Le lenti a contatto smart sviluppate dall’Università di San Diego

I ricercatori dell’Università di San Diego stanno lavorando ad un prototipo di lenti a contatto smart. Si tratta di lenti a contatto morbide in grado di ingrandire con uno zoom ciò che si sta guardando semplicemente ammiccando due volte. Un risultato raggiunto utilizzando materiali che di solito vengono utilizzati nella robotica.

La giusta combinazione tra biomimetica ed elettrooculografia

Alla base del progetto, l’intuizione che combinando biomimetica ed elettrooculografia è possibile ottenere un prodotto finale altamente tecnologico ed efficiente. La biomimetica è una scienza che osservando la natura trae spunti utili a riprodurre strutture artificiali. L’elettrooculografia, invece, permette di registrare la differenza di potenziale esistente tra cornea e retina. I ricercatori hanno misurato i segnali elettrooculografici che si ottengono quando gli occhi effettuano determinati movimenti. In questo modo sono riusciti a costruire una lente a contatto morbida biomimetica in grado di rispondere agli impulsi elettrici; i movimenti della lente si hanno con l’attivazione di alcune aree di pellicola di elastomero dielettrico. L’obiettivo è quello di imitare il meccanismo di funzionamento degli occhi umani

Le lenti a contatto smart per diabetici

Avviene sovente che la tecnologia si ponga al servizio della salute, del benessere e soprattutto della prevenzione in ambito medico e sanitario. Le lenti a contatto smart che stiamo per illustrare non sono pensate per compensare uno stato di ipovisione. Le lenti a contatto smart per diabetici sono state messe a punto da un gruppo di ricercatori sudcoreani e sono in grado di misurare il livello di glucosio nelle lacrime che si è visto essere correlato a quello del sangue.

Un dispositivo che infonde ottimismo nei confronti di una patologia ad ampia diffusione

Il progetto è ancora in fase puramente sperimentale, ma apre le porte ad un futuro nel quale la prevenzione nei confronti del diabete potrebbe diventare una realtà tangibile capace di invertire la tendenza per la quale, ad oggi, la patologia sta assumendo i contorni di una vera e propria pandemia. Com’è noto, il diabete colpisce oltre 400 milioni di persone nel mondo con un impatto importante sulla società sia sanitario che economico. Questa tecnologia permetterebbe di sostituire i controlli dei livelli di glucosio nel sangue nei pazienti che sono costretti a farlo quotidianamente. Ma non solo. Essa è pensata per svolgere anche un importante ruolo preventivo: tenere sotto controllo il glucosio nelle lacrime (e di conseguenza nel sangue) svolge un importante ruolo di prevenzione nei confronti di alcune patologie tipicamente correlate al diabete: tra queste menzioniamo la retinopatia diabetica, l’insufficienza renale e complicanze cardiovascolari.

Come sono fatte le lenti a contatto smart per diabetici

Il dispositivo è costruito su un polimero biocompatibile e contiene circuiti elettrici ultrasottili e flessibili, biosensori e sistemi di somministrazione controllata di farmaci oltre che di comunicazione dati. 

La lente è composta da cinque parti principali:

  1. biosensore
  2. sistema per l’erogazione di farmaci
  3. sistema di trasferimento di energia senza fili
  4. microcontrollore a circuito integrato con un’unità di gestione dell’alimentazione
  5. sistema di comunicazione a distanza a radiofrequenza

Le lenti a contatto smart per diabetici sono state prodotte con un materiale che garantisce una trasparenza ottimale e sono molto flessibili. Sul bordo della lente sono collocati minuscoli sensori in grafene che permettono, essendo a contatto diretto con la lacrima, di far partire un segnale che viene captato da un dispositivo wireless che legge la concentrazione di glucosio nel film lacrimale. Quando i livelli del paziente superano una soglia predefinita, un led presente nella lente lo segnala. E’ in progetto un’App in grado di monitorare e archiviare le varie registrazioni.

A cura della Dott.ssa Maria Luisa Verbelli, medico oculista presso CAMO – Centro Ambrosiano Oftalmico.

Occhi e Covid: un vademecum per chi viaggia in aereo

Il SARS-CoV-2 si è manifestato ormai da qualche anno in tutta la sua forza dirompente, capace di eradicare gran parte delle nostre abitudini e di intaccare persino la qualità dei rapporti interpersonali. Ma ancor prima che questo accadesse, era già noto che viaggiare in aereo esponesse ad un rischio di contrarre virus respiratori più elevato di quanto non accadesse in altri mezzi di trasporto. La trasmissione del virus avviene, da parte di chi ne è affetto, principalmente tramite emissione di minuscole ed invisibili secrezioni respiratorie (i cosiddetti droplets). Ma non solo: alcune ricerche scientifiche hanno messo in evidenza come anche la superficie oculare costituisca una sorta di via preferenziale di accesso del virus. Chi viaggia in aereo, dunque, dovrebbe stare all’erta rispetto al rischio di contagio orale così come oculare. Stiliamo allora un piccolo vademecum per volare in sicurezza, limitando al minimo, ove possibile, il rischio di contagio. E senza trascurare la potenziale insidiosità della combinazione occhi e Covid.

Occhi e Covid: perché in aereo si rischia di più?

All’interno di un velivolo lo spazio è angusto e non sempre è facile mantenere il corretto distanziamento interpersonale. Inoltre, si tratta di un luogo chiuso, con un ricambio d’aria limitato ed un livello di umidità generalmente molto contenuto. Laddove l’aria si fa più secca, l’evaporazione del film lacrimale aumenta. E la superficie oculare diviene più vulnerabile. E’ in questo contesto che l’infezione da Sars-CoV-2 può trovare terreno fertile per accedere al nostro organismo. Questo vale ancor di più nel caso di soggetti immunodepressi o già affetti da altre patologie (come alcune patologie sistemiche, per esempio, quali diabete o disturbi della tiroide).

Perché se il film lacrimale evapora, l’occhio è più vulnerabile?

Il film lacrimale è un insieme di componenti acquose e lipidiche che mantengono l’occhio ben idratato e lo proteggono dalle aggressioni esterne. Quando il film lacrimale si impoverisce, l’occhio perde la sua naturale idratazione e va incontro a secchezza, bruciore, arrossamento, sensazione di corpo estraneo. Chi è affetto da Sindrome dell’Occhio Secco conosce bene questi sintomi e sa quanto essi sono fastidiosi. All’interno di un velivolo anche un occhio sano può perdere il suo naturale equilibrio, seppur temporaneamente. E può tramutarsi nella via d’accesso preferenziale per alcuni virus respiratori tra cui il noto Covid-19.

Occhi e Covid, come proteggersi se si viaggia in aereo?

Ecco alcune indicazioni di indole generale per proteggere i propri occhi durante i viaggi in aereo e limitare al massimo la possibilità di contagio per via oculare:

  • igienizzare le mani frequentemente e ripetere l’igienizzazione anche durante il volo, specie se ci si alza per sgranchirsi le gambe o se ci si reca ai servizi igienici;
  • evitare di portare le mani agli occhi o alla bocca (o più in generale al viso);
  • i portatori di lenti a contatto dovrebbero toglierle prima del viaggio;
  • se il volo è particolarmente lungo, si consiglia di procurarsi una mascherina oculare personale, di quelle che si utilizzano per dormire, o un paio di occhiali protettivi;
  • mantenere la superficie oculare ben idratata grazie ad un lubrificante oculare, da somministrare personalmente previa sanificazione delle mani;
  • bere molta acqua durante tutta la durata del volo;
  • limitare il consumo di caffeina così come di alcolici;
  • rispettare la distanza interpersonale prevista dalla compagnia aerea, evitando di cambiare posto e lasciando vuoti i sedili che non si prevede siano occupati.

Fonte: ncbi.nlm.nih.gov

Occhi e Covid: un ultimo consiglio

Si consiglia inoltre di prenotare una visita oculistica specialistica prima del viaggio in aereo, specie se si tratta di un viaggio di una certa durata. Una valutazione clinica e qualche indicazione precauzionale potranno essere d’aiuto nel caso si sviluppino sintomi oculari sconosciuti o improvvisi durante i propri spostamenti.

Vuoi saperne di più?

Stai per metterti in viaggio? Vuoi conoscere più da vicino i rischi connessi al binomio “occhi e Covid”? Prenota la tua visita specialistica chiamando dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 19.00 il numero 02 636 1191. Saremo lieti di prenderci cura della tua salute visiva.

Miopia: la pandemia nella pandemia

Il Coronavirus ha segnato le esistenze di tutti noi. Già molto prima che la pandemia si manifestasse in tutta la sua irruenza, medici e oftalmologi di tutto il mondo non avevano dubbi: la diffusione a macchia d’olio della miopia stava assumendo i contorni di una vera e propria pandemia, seppur in senso lato. Stiamo dunque vivendo, oggi, il paradosso della “pandemia nella pandemia”. I nuovi stili di vita imposti dalle restrizioni anti Covid hanno accentuato la diffusione della miopia. Un difetto visivo che si sta oramai tramutando nel tratto distintivo dei nostri tempi. Senza esclusione di colpi, interessando trasversalmente luoghi e fasce d’età differenti. Facciamo il punto della situazione.

L’insidioso legame che sussiste tra progressione miopica e device elettronici

Ancor prima che la pandemia da Coronavirus si manifestasse, la comunità scientifica aveva indicato nei prolungato impegno oculare da vicino ed in particolare nei device elettronici uno dei maggiori fattori di rischio per l’esordio e la progressione della miopia. Specie nei pazienti in età pediatrica ed evolutiva. Trascorrere molto tempo impegnati nella visione da vicino è un fattore di rischio per la miopia. Pertanto, il consiglio dei pediatri e degli oftalmologi di tutto il mondo era (ed è) quello di attenersi a qualche semplice regola di comportamento. 

Miopia: la regola del 20-20-2 e le linee guida anti-Covid in merito a quarantena e isolamento: due realtà inconciliabili?

La regola del 20-20 consiste nel trascorrere 20 minuti di lavoro a video o sui libri seguiti da 20 secondi di osservazione di un punto posto in lontananza. Per i bambini, si dovrebbero aggiungere 2 ore di gioco all’aria aperta. Un vero e proprio “stile di vita anti miopia” capace di mettere al riparo le strutture oculari da un affaticamento capace di innescare il difetto visivo. 

La quarantena e l’isolamento imposti dalla pandemia da Coronavirus hanno reso sempre più difficile l’applicazione delle linee guida anti miopia suggerite dai medici. E oggi, a distanza di mesi dall’inizio della pandemia da Coronavirus (che sembra non volersi arrestare), si cominciano a “contare i danni” anche sul fronte della salute oculare. Il lavoro e lo studio in modalità smart hanno dilatato a dismisura il monte ore trascorso a video. La conseguenza è l’incidenza ancor più marcata dei casi di miopia (inclusa la miopia forte) sia in pazienti in età pediatrica ed evolutiva, che in pazienti adulti. 

La distanza della fonte di lettura dal viso sembra essere un fattore determinante per la miopia

Tra i fattori capaci di condizionare maggiormente l’incidenza e la progressione della miopia sembra esserci la distanza della fonte di lettura dal viso. Più la fonte è vicina, più l’occhio è sottoposto ad uno stress visivo capace di indurre o peggiorare il difetto visivo. Attenzione dunque agli smartphone, seguiti dai laptop e dai libri cartacei. 

Prospettive future per la gestione della pandemia nella pandemia

Fare marcia indietro rispetto alle nuove abitudini di studio e di lavoro da remoto ad oggi non è sempre possibile. La pandemia da Coronavirus rappresenta ancora una minaccia concreta e tangibile. Tuttavia, è fondamentale mettere in atto un’opera di sensibilizzazione rispetto alla necessità di configurare comportamenti virtuosi per gestire la pandemia dando la giusta attenzione alla salute globale dell’individuo. 

Vuoi saperne di più?

Non è mai troppo presto per prenotare un controllo della salute visiva in età pediatrica. Prenota una visita oculistica specialistica chiamando dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 19.00 il numero 02 636 1191. Saremo lieti di prenderci cura della tua salute visiva e di quella della tua famiglia. 

Lenti a contatto smart: cosa sono? – Parte 1

La bioelettronica è una materia di grande interesse con una spiccata applicabilità in più ambiti. Permette di unire le proprietà dei materiali e dell’elettronica per creare dispositivi sanitari innovativi e soprattutto indossabili. La diagnosi rapida e lo screening delle malattie sono diventati sempre più importanti nella medicina preventiva. Il loro obiettivo è migliorare le strategie di trattamento dei pazienti. Ma anche ridurre gli oneri per il sistema sanitario. I dispositivi indossabili stanno emergendo come diagnostica efficace ed affidabile al fine di monitorare la propria salute a casa. Ma non solo. Molti di essi sono altresì pensati per fronteggiare meglio stati di ipovisione anche particolarmente marcati. Tra i vari dispositivi in fase di studio, le lenti a contatto smart sono molto promettenti.

Le lenti a contatto speciali progettate da Samsung

La compagnia sud-coreana Samsung ha depositato il brevetto per lenti a contatto smart che utilizzano l’intelligenza artificiale. Il prodotto è ancora in fase di sperimentazione. Si tratta di lenti con uno spessore uguale a quello delle altre lenti a contatto.

Queste sono equipaggiate di:

  • display;
  • fotocamera;
  • antenna per connettività wireless;
  • sensori per il rilevamento dei movimenti oculari (in particolare per l’ammiccamento).

Le immagini proiettate dalle lenti possono essere visionate da chi indossa le lenti grazie ad un specifico device associato. Per esempio un comune smartphone. Le lenti a contatto smart di Samsung di si applicano sulla cornea e si rimuovono come le altre lenti a contatto. Non c’è bisogno di alcun intervento chirurgico. Esse sono in grado di migliorare il campo visivo, di zoomare e di vedere al buio. Sono, in breve, una sorta di dispositivo mobile su lente a contatto: in futuro sostituiranno lo schermo di uno smartphone o di un tablet.

Questa innovazione aprirà sicuramente un acceso dibattito in materia di privacy: questo dispositivo praticamente invisibile è in grado di scattare immagini all’insaputa delle persone e di trasmettere informazioni in tempo reale in modalità wireless ad un device.

Le lenti a contatto smart di casa Sony

Anche SONY ha richiesto il brevetto per lenti a contatto smart chiamato Contact Lens and Storage Medium. Grazie a queste lenti è possibile scattare foto e girare video salvando tutto il materiale automaticamente all’interno di un piccolo spazio di archiviazione presente nella lente. Con un semplice movimento di ammiccamento si aziona la micro fotocamera della lente a contatto. I ricercatori stanno progettando due ulteriori funzioni:

  • l’introduzione dell’autofocus, che permetterebbe la stabilizzazione ottica dell’immagine
  • un sensore di inclinazione che potrebbe essere utilizzato per aprire un menù a tendina con opzioni aggiuntive.

Le lenti a contatto smart di casa Sony saranno anche in grado di interagire con dispositivi esterni, come smartphone o tablet. A questi dispositivi sarà infatti possibile inviare i file prodotti con la fotocamera. Anche questo progetto è in fase sperimentale. Verosimilmente, passerà molto tempo prima di vedere realizzato un prototipo funzionante ed indossabile.

Le nuove LAC speciali progettate da Mojo Vision

Mojo Vision è una nuova start up della Silicon Valley. Al momento sta elaborando un prototipo di lenti a contatto smart. Le nuove lenti dispongono di un display miniaturizzato pensato per proiettare le immagini sulla retina. E non solo. Sono anche in grado di fornire informazioni di vario tipo:

  • messaggi di testo (informazioni meteo, livelli di glicemia in tempo reale, traduzioni di parole o brevi testi, risultati sportivi);
  • indicazioni di navigazione passo-passo;
  • elaborazione di punti di discussione per presentazioni;
  • indicazioni per la preparazione di macchinari;
  • indicazioni visive in condizioni di luminosità ridotta.

Il display MicroLed è collegato ad una batteria e ad un processore esterno: ha una densità di 14.000 pixel per pollice quadrato (ppi). Questo consente di avere contenuti ben definiti nonostante la distanza di pochi millimetri dalla retina. (Si consideri che gli smartphone di fascia alta toccano quota 300-500 ppi).

Le lenti a contatto intelligenti di casa Mojo Vision dispongono anche di 3 sensori:

  • di immagine integrato;
  • radio
  • di movimento (l’eye tracking) che tiene traccia dei movimenti oculari in modo da stabilizzare il display MicroLed

I ricercatori si stanno attualmente occupando di capire come integrare il processore e la batteria. L’attuale prototipo è alimentato in modalità wireless ma la versione finale prevede una batteria a film sottile che dovrebbe durare un giorno intero. La ricarica, stando al progetto, avviene tramite induzione.

Obiettivi delle lenti a contatto intelligenti di casa Mojo Vision

L’obiettivo di questo dispositivo è di mostrare a chi lo indossa informazioni utili e tempestive senza estrarre lo smartphone; la società promette che il sistema darà le informazioni richieste quando il portatore lo desidera  senza che questo subisca distrazioni da dati non voluti. Allo stesso modo degli occhiali AR, le informazioni visualizzate sono trasmesse in modalità wireless allo smartphone dell’utente tramite un piccolo dispositivo indossabile.

Gli utenti ai quali Mojo Vision si rivolge con il progetto relativo alle lenti a contatto smart sono:

  • aziende;
  • persone ipovedenti o con problemi di vista non gestibili con un comune paio di occhiali da vista.

A cura della Dott.ssa Maria Luisa Verbelli, medico oculista presso CAMO – Centro Ambrosiano Oftalmico.

Chirurgia oculoplastica: non solo estetica

Quando si pensa alla chirurgia oculoplastica, nota anche più comunemente con il nome di “oculoplastica”, ciò che salta alla mente è l’idea di un intervento volto a ripristinare una funzionalità estetica perduta, o a migliorare l’aspetto estetico dell’area orbitale o periorbitale laddove questo non sia soddisfacente. In realtà, la chirurgia oculoplastica è molto di più. E spesso si rivela straordinariamente preziosa, di fatto mettendo molti pazienti al riparo persino dal rischio di quella che gli addetti ai lavori definiscono cecità secondaria. In che modo? Conosciamo meglio i campi di applicazione della chirurgia oculoplastica.

Chi è il chirurgo oculoplastico: conosciamo meglio lo specialista

Per comprendere al meglio i campi di applicazione della chirurgia oculoplastica, è necessario forse fare un passo indietro e conoscere più da vicino lo specialista che se ne occupa. Il chirurgo oculoplastico è un medico, laureato in Medicina e Chirurgia, in possesso di una specializzazione in Chirurgia Plastica e Ricostruttiva. Non si occupa di patologie della vista, ma della salute e del benessere dell’area oculare e perioculare. D’altronde, la salute dell’occhio, delle sue strutture anatomiche esterne e dei tessuti che lo circondano, sono strettamente legate tra di loro. Per questo motivo sovente il chirurgo oculoplastico lavora a stretto contatto con l’oculista. In tal caso, l’obiettivo è restituire al paziente uno stato di salute visiva ottimale e a tuttotondo intervenendo anche, ove necessario, con la chirurgia plastica. 

Quando l’estetica dello sguardo ci aiuta a vedere meglio

Intervenire sull’estetica dello sguardo può essere un obiettivo fine a se stesso e può restituire al paziente uno sguardo più fresco, tonico e giovane. Eliminare o ridurre un difetto come la presenza di tessuto adiposo in eccesso, una palpebra cadente, o antiestetiche e persistenti borse sotto gli occhi, può far bene all’estetica del viso e all’autostima di chi si sottopone all’intervento. Solitamente questa gamma di interventi rientra sotto la denominazione generale di blefaroplastica.

Altre volte però, sia la blefaroplastica che altre tipologie di interventi di chirurgia oculoplastica non si limitano a migliorare l’estetica dello sguardo, ma restituiscono anche il benessere visivo perduto o messo a repentaglio proprio dai disturbi dell’area oculare e perioculare.

Facciamo qualche esempio:

Blefarocalasi

Quando il tessuto della palpebra superiore perde tono, la palpebra scende sempre di più sotto il peso della gravità e tende a coprire l’occhio. Mano a mano che il disturbo peggiora, è possibile che arrivi a coprire anche la pupilla, pregiudicando la capacità visiva del paziente.

Ptosi palpebrale

Analogamente a quanto accade nella blefarocalasi, anche nella ptosi palpebrale la palpebra superiore perde tono, fatica a sostenersi ed a rimanere aperta. Anche se il “sintomo” è il medesimo, nel caso della ptosi il responsabile non è il tessuto palpebrale, ma il muscolo che dovrebbe sostenerla.

Trichiasi

Nella trichiasi le ciglia non sono correttamente allineate e rivolte verso l’esterno, ma hanno una distribuzione poco ordinata (a volte anche in doppia fila) e sono rivolte verso l’interno dell’occhio, sfregando sulla cornea. Un disturbo che può innescare fastidi persistenti quali arrossamento, sensazione di corpo estraneo, bruciore, iperlacrimazione.

Ectropion ed entropion

Ectropion ed entropion sono due disturbi analoghi ed opposti. Il margine palpebrale risulta ruotato rispettivamente verso l’esterno o l’interno. Nel primo caso, la conseguenza sarà una perdita eccessiva di lacrime – chiamata epifora. L’epifora porta ad una disidratazione della superficie oculare ed a fenomeni irritativi che con il tempo tendono a cronicizzarsi (Sindrome dell’Occhio Secco). Nell’entropion, invece, il continuo sfregamento della palpebra sulla cornea può portare ad irritazioni persistenti capaci di dare adito persino a ulcere.

Vuoi saperne di più?

Salute visiva e funzionalità estetica non sono mai del tutto indipendenti l’una dall’altra. Prenota la tua visita specialistica chiamando dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 19.00 il numero 02 636 1191.

Glaucoma e miopia forte: che fare?

Il glaucoma è una patologia oculare ad ampia diffusione, tanto da rappresentare, oggi, la seconda causa di cecità al mondo. Gli esperti la definiscono una malattia sociale, in quanto il suo esordio silente innesca conseguenze sociali ed economiche decisamente impattanti. Se al ritardo diagnostico aggiungiamo anche la non completa aderenza alla terapia da parte di molti pazienti, va da sé che l’esito non può essere che preoccupante. Analogamente, anche la miopia forte è stata più volte definita un’epidemia. In questo senso, lockdown, permanenza forzata in luoghi chiusi e forme di studio/lavoro da remoto non sono state d’aiuto. Anzi. Che fare dunque se ci si trova a dover affrontare glaucoma e miopia forte assieme? Come curare la propria salute visiva adeguatamente? Approfondiamo assieme l’argomento.

Perché glaucoma e miopia forte possono manifestarsi assieme?

Diversi studi scientifici hanno evidenziato che la connessione tra glaucoma e miopia forte non è poi così rara. Di fatto, la malattia miopica è un fattore di rischio per il glaucoma. Questo accade perché nell’occhio miope il bulbo oculare è fortemente allungato. Le alterazioni anatomiche poste in essere dalla miopia degenerativa sono fattore predisponente l’esordio del glaucoma.

Glaucoma e miopia forte: da dove cominciare

Possiamo affermare senza indugio che un paziente affetto da miopia forte (chiamata anche malattia miopica) e glaucoma rappresenta una sfida importante per il medico oculista. Ancor di più se si considera che sovente questo spiacevole binomio è presente in pazienti di giovane età. Quando le due patologie si presentano in modo concomitante, i fattori da prendere in considerazione saranno:

  • aumento della pressione intraoculare;
  • cambiamento nella morfologia di alcune strutture intraoculari;
  • osservazione attenta dei cambiamenti morfologici anche a carico del nervo ottico.

Al fine di valutare correttamente lo stato di salute oculare del paziente affetto da glaucoma e miopia forte e di mettere a punto il corretto iter terapeutico, è fondamentale recarsi prontamente dall’oculista. Una visita oculistica tempestiva ed accurata è sicuramente il primo passo da compiere. La visita includerà alcuni esami diagnostici particolarmente mirati, tra cui OCT – Tomografia Oculare Computerizzata, ma anche tonometria, pachimetria corneale ed altri.

Come si curano glaucoma e miopia forte?

Sarà cura del medico oculista, dopo un’attenta ed approfondita valutazione del quadro clinico del paziente, indicare quali siano le strade da intraprendere per monitorare, trattare e curare efficacemente entrambe le patologie. Il consiglio generale è di rivolgersi ad un centro d’eccellenza, dove sarà possibile trovare medici dalla comprovata preparazione e dalla notevole esperienza clinica, capaci di cogliere anche le sfide più insidiose.

Vuoi saperne di più?

Il Centro Ambrosiano Oftalmico è a tua disposizione dal lunedi al venerdi dalle 9.00 alle 19.00 allo 02. 6361191.

Lenti EDOF: domande frequenti

Le lenti EDOF, acronimo che sta per Estesa Profondità di Fuoco (Extended Depth of Focus), rappresentano l’avanguardia nel campo della correzione permanente dei difetti visivi. Si tratta di lenti intraoculari altamente performanti. Sono infatti capaci di dare piena soddisfazione sul piano medico così come pratico, umano ed emotivo. Spendiamo due parole sul tema, rispondendo alle domande più frequenti su queste innovative IOL, a beneficio di chi sta pensando di correggere i suoi difetti visivi o la cataratta in modo permanente.

A cosa servono le lenti EDOF ad estesa profondità di fuoco?

La tecnologia che sta alla base delle lenti EDOF ha l’obiettivo di offrire una buona qualità visiva ad una gamma di distanze ben più ampia delle altre lenti intraoculari. Questo significa che il paziente che scelga una EDOF potrà svolgere la maggior parte delle sue azioni quotidiane in uno stato di indipendenza dagli occhiali. Anche in età avanzata. In più, queste lenti sono progettate in modo da ridurre al minimo i piccoli inconvenienti tipici delle monofocali e multifocali. In breve:

  • buona qualità visiva da vicino, alle distanze intermedie e alle lunghe distanze;
  • buona acuità visiva a tutte le distanze;
  • riduzione drastica di alcuni piccoli fastidi che a volte possono scaturire dalle altre lenti intraoculari, come visione di aloni e sensazione di abbagliamento.

In breve, queste lenti generano una multifocalità progressiva e continua.

Le lenti EODF sono indicate per chi soffre di presbiopia

Le lenti intraoculari EDOF sono pensate per chi desidera correggere più difetti visivi, tra cui anche la presbiopia. Capita spesso di correggere i propri difetti visivi tralasciando la presbiopia. Grazie alle lenti EDOF, invece, è possibile recuperare una buona qualità visiva già a 40 cm di distanza. Ciò significa che sarà possibile lavorare al computer, leggere il giornale o consultare il cruscotto della propria auto (anche in condizioni di poca luminosità) senza dover ricorrere agli occhiali. In caso di ricorso alle lenti EDOF prima dell’età tipica dell’insorgenza della cataratta, quest’ultima non si presenterà mai.

Chi deve operarsi di cataratta può pensare alle lenti EDOF?

Certamente sì. Com’è noto, l’intervento di cataratta presuppone che si sostituisca il cristallino naturale opacizzato con una lente intraoculare del tutto nuova. Questa lente può essere una EDOF nel caso in cui si desideri correggere più difetti visivi e tornare a vedere bene a più distanze al contempo. Anche in condizioni di poca luminosità esterna. Una persona in età matura potrà dunque trarre grande giovamento da questo tipo di scelta: recuperando la capacità visiva perduta, ritroverà il desiderio di indipendenza e l’ottimismo sino ad ora messi a dura prova dalle difficoltà visive. Un traguardo notevole, specie in un periodo storico come quello attuale, in cui la terza età è caratterizzata da una miriade di impegni familiari e personali.

Perché le lenti intraoculari EDOF possono essere considerate migliori rispetto agli altre?

Ciascun tipo di lente intraoculare ha caratteristiche peculiari e vantaggi. E ciascuna lente è altresì altamente personalizzabile. Le esigenze specifiche del paziente, le caratteristiche delle sue strutture oculari e il suo stato di salute visiva sono solo alcune delle variabili che possono determinare la scelta del tipo di lente intraoculare più indicata. Quel che è certo è che le moderne lenti EDOF riescono a rispondere con notevole efficacia ad una vasta gamma di esigenze visive. Scegliere una EDOF significa correggere in modo permanente più difetti visivi, tornare a vedere bene a tutte le distanze e avere un’ottima qualità visiva. Qualunque sia l’età del paziente, un intervento di chirurgia refrattiva o un intervento di cataratta con impianto di lenti intraoculari EDOF diventano l’opportunità per recuperare una capacità visiva ottimale a tuttotondo.

Come faccio a sapere se le lenti EDOF fanno al caso mio?

Come detto, le variabili che possono spingere ad orientarsi verso una lente intraoculare di un tipo o di un altro sono innumerevoli. E la decisione non spetta mai esclusivamente al paziente. E’, al contrario, il risultato di un percorso diagnostico approfondito e del colloquio tra medico chirurgo e paziente. In questo contesto, la visita oculistica è cruciale per stabilire lo stato di salute visiva del paziente e per valutare concretamente le sue aspettative rispetto all’intervento di correzione dei difetti visivi.

Vuoi saperne di più?

Il Centro Ambrosiano Oftalmico è a tua disposizione dal lunedi al venerdi dalle 9.00 alle 19.00 allo 02. 6361191.

Presbiopia: dagli occhiali alle lenti EDOF, tutte le soluzioni

La presbiopia è il tipico difetto visivo che ci avverte che abbiamo raggiunto la mezza età. Spesso ci accorgiamo di esserne affetti poco a poco, quasi inconsapevolmente. Il tempo avanza, e la lettura di libri, giornali o strumenti elettronici comincia a farsi più incerta. A tal punto che strizziamo gli occhi e allontaniamo la fonte di lettura dal viso, allungando il braccio sempre di più nel tentativo di rimettere a fuoco le parole. Cosa offre la medicina oftalmica per correggere la presbiopia? Facciamo il punto della situazione e conosciamo più da vicino una delle soluzioni più innovative e promettenti del momento: le lenti EDOF.

Quali sono le cause della presbiopia

Come accennato in apertura, il tempo che avanza è il primo “responsabile” della comparsa della presbiopia. Il secondo è invece il cristallino, quella piccolissima e preziosissima lente situata nel nostro occhio che svolge due funzioni visive cruciali: convogliare i raggi luminosi sulla retina e favorire il processo accomodativo, cioè regolare la corretta messa a fuoco delle immagini. Un’azione che il cristallino esegue automaticamente per molti anni incurvandosi di volta in volta e offrendoci la misura di fuoco necessaria per vedere bene. Con l’avanzare del tempo, il cristallino invecchia assieme a noi, perdendo non solo trasparenza, ma anche flessibilità. Ed è proprio questa perdita di flessibilità a innescare il difetto visivo chiamato presbiopia.

Prospettive terapeutiche della presbiopia

Le prospettive terapeutiche della presbiopia oggi sono rappresentate da due strade differenti: quella della correzione tramite ausili esterni (lenti a contatto o occhiali da vista), e quella chirurgica. La strada farmacologica è ancora al vaglio dei ricercatori e non è escluso che in futuro sia messa a punto qualche molecola in grado di contrastare la presbiopia. Ad oggi, tuttavia, l’assunzione di farmaci come cura della presbiopia non è un’opportunità praticabile.

Correzione della presbiopia tramite ausili esterni

Correggere la presbiopia con lenti a contatto o occhiali da vista può essere una comodità perché consente di far fronte ad un’esigenza visiva in modo veloce ed immediato. E’ anche una soluzione tutto sommato economica, a patto che non si sia affetti da altri difetti visivi. Il costo del classico “occhiale da lettura”, infatti, non è come quello di un occhiale progressivo. Gli svantaggi tuttavia non mancano. Conviene tener conto del fatto che la presbiopia peggiora con l’andare del tempo, pertanto sarà necessario di tanto in tanto acquistare degli occhiali nuovi. Lo stesso vale per chi usa le lenti a contatto, che diventano una spesa dalla quale non è più possibile prescindere. Chi usa gli occhiali, inoltre, deve sempre portarli con sé, con il rischio concreto e frequente di scordarli qua e là.

Il consiglio: chi non ha mai portato gli occhiali o le lenti a contatto tende a vivere male la novità della presbiopia. Informarsi in merito alle alternative terapeutiche può essere in questo senso interessante.

Correzione della presbiopia tramite intervento laser o intervento di chirurgia oftalmica con lenti EDOF

La chirurgia oftalmica offre oggi diverse soluzioni per la correzione permanente della presbiopia. Volendo riassumere, ad oggi è possibile sottoporsi ad un intervento laser eseguito sulla sola superficie oculare (la cornea), oppure ad un intervento di chirurgia oftalmica con impianto di lenti EDOF intraoculari. Entrambe le soluzioni presentano innumerevoli vantaggi, ma sono differenti tra di loro.

1 – Intervento laser per la correzione della presbiopia

L’intervento laser per la presbiopia, eseguito sulla cornea, è molto simile all’intervento laser per la correzione dei difetti visivi con tecnica LASIK. Non è invasivo né doloroso, e consente di correggere uno o più difetti visivi in una sola seduta. E’ consigliato a chi ha un difetto visivo da lieve a medio e vuole comunque recuperare la sua indipendenza dagli occhiali. Non presenta particolari svantaggi, in quanto non ha controindicazioni ed offre benefici tangibili sul lungo periodo.

2 – Intervento di chirurgia oftalmica con impianto di lenti EDOF

L’intervento di chirurgia oftalmica con impianto di lenti EDOF rappresenta una piccola rivoluzione in ambito oftalmologico ed è un vera e propria occasione da cogliere al volo per chi soffre di uno o più difetti visivi di entità media o marcata. Le lenti EDOF sono lenti a profondità di fuoco estesa o continua. Questo significa che una sola lente riesce a offrire una buona visione a più distanze, dai classici 40 cm necessari per la lettura sino all’infinito. Peraltro, questa tipologia di lenti intraoculari non presenta le classiche controindicazioni delle multifocali. Zero aloni, zero fastidi, massimo beneficio a tutte le distanze. Le lenti EDOF consentono anche di eliminare la cataratta, e addirittura di prevenirla, se impiantante prima che questa si presenti.

Le lenti EDOF di ultima generazione rappresentano la risposta a 3 esigenze:

  1. Cura della presbiopia
  2. Correzione di altri difetti visivi preesistenti (miopia forte, ma anche ipermetropia e astigmatismo)
  3. Trattamento della cataratta

Il consiglio: l’entità del difetto visivo, la eventuale presenza di altri difetti visivi, lo stato di salute oculare del paziente e le sue aspettative concrete sono tra i fattori che possono spingere ad intraprendere una strada oppure l’altra. In ogni caso, è necessario sottoporsi ad una visita oculistica approfondita che includa un percorso diagnostico ben preciso ed il colloquio con lo specialista.

Vuoi saperne di più?

Il Centro Ambrosiano Oftalmico è a tua disposizione dal lunedi al venerdi dalle 9.00 alle 19.00 allo 02. 6361191. Chiamaci per prenotare la tua visita oculistica specialistica per la presbiopia: saremo lieti di prenderci cura della tua salute visiva.