Articoli

Coronavirus: noi ci tamponiamo

Coronavirus: noi ci tamponiamo

Oltre alle forti norme di sicurezza implementate già da tempo, il Centro Ambrosiano Oftalmico ha attivato una ulteriore misura a tutela della salute dello staff e dei pazienti contro la diffusione del coronavirus. Tutto il nostro staff, infatti, si sottopone periodicamente al test rapido antigenico con tamponi orofaringei.

Parole d’ordine: sicurezza e tutela

La salute dei nostri pazienti è sempre stata al primo posto. Già a partire dal mese di marzo, con l’inizio della pandemia da coronavirus in Italia abbiamo implementato stringenti norme di sicurezza in clinica ed in sala operatoria, al fine di garantire la massima tutela della salute dei nostri pazienti e di tutti i nostri collaboratori.

Coronavirus: noi ci tamponiamo

A partire dal mese di novembre, tutti i nostri medici, i chirurghi e gli infermieri, i collaboratori di centralino, reception, amministrazione, e diagnostica effettuano periodicamente tamponi rapidi antigenici come ulteriore misura di sicurezza contro il COVID-19.

In questo momento così delicato per la nostra città e non solo, il Centro Ambrosiano Oftalmico è operativo ed in totale sicurezza, come sempre ed anche di più.

Contattaci

Per maggiori informazioni, contattaci allo 02 636 1191.

Coronavirus, lenti a contatto e occhiali: come prevenire l’infezione

Coronavirus lenti a contatto e occhiali: come prevenire l'infezione

All’interno della rubrica Salute del Corriere della Sera, è stato pubblicato un breve decalogo su come prevenire l’infezione da coronavirus nei casi di utilizzo di lenti a contatto o occhiali da vista. Il decalogo, a cura di Vera Martinella, è stato redatto col supporto del Dott. Lucio Buratto, Direttore Scientifico di CAMO Centro Ambrosiano Oftalmico, insieme al Dott. Paolo Vinciguerra e il Dott. Leonardo Mastropasqua.

Coronavirus, lenti a contatto e occhiali: perché fare attenzione

Come cita l’articolo pubblicato su Corriere Salute, il coronavirus è stato individuato dai ricercatori dello Spallanzani di Roma anche nel liquido lacrimale. Il virus Sars-Cov-2, inoltre, è in grado di replicarsi anche nella congiuntiva. Le persone che utilizzano occhiali o lenti a contatto tendono, proprio per l’uso di questi dispositivi, a toccarsi più spesso di altri l’area intorno agli occhi, che rappresentano una via di accesso del virus anche perché direttamente collegati al naso e alla bocca attraverso un piccolo dotto dove fluiscono le lacrime, come spiega il Dott. Vinciguerra.

Come ridurre le possibilità di contagio attraverso gli occhi

Come suggerisce Lucio Buratto, quindi, è fondamentale non toccarsi il viso con mani non lavate a fondo, a maggior ragione se indossiamo occhiali o lenti a contatto. Inoltre, le goccioline trasportate da un colpo di tosse possono depositarsi sugli occhiali e sulle lenti a contatto: è quindi molto importante igienizzare bene e spesso gli occhiali, e possibilmente utilizzare lenti a contatto giornaliere usa e getta.

Sarà importante trasformare queste piccole attenzioni in abitudini, almeno fino a quando non avremo la certezza che l’epidemia sia passata.

Visite oculistiche ed interventi ai tempi del coronavirus

E’ importante sapere, come sostiene il Dott. Mastropasqua, che i centri oculistici hanno già preso tutte le misure di sicurezza utili a garantire la miglior prevenzione dal contagio, per la tutela della salute di pazienti e staff sia in ambiente diagnostico, sia in ambiente chirurgico.

Anche il Centro Ambrosiano Oftalmico, quindi, è regolarmente aperto e operativo, in tutta sicurezza. Qui è possibile consultare l’elenco delle misure di sicurezza e tutela adotatte da CAMO.

Per ulteriori informazioni…

Per qualunque domanda o per prenotare la tua visita oculistica, chiamaci dal lunedi al venerdi dalle 9.00 alle 19.00 allo 02 6361191.