Articoli

Il bambino ha problemi alla vista? 5 segnali da non sottovalutare

Non sempre è facile intuire quando un bambino non si sente bene o ha qualcosa che non va, specie se è ancora molto piccolo e fatica a comunicarlo. Se alcuni sintomi, come quelli influenzali o gastrointestinali, sono più facili da individuare, non si può dire lo stesso di quelli oculari. Ecco perché è fondamentale non perdere l’appuntamento con le principali tappe della salute oculare. Intanto però, vediamo quali potrebbero essere i 5 segnali da non sottovalutare che ci possono indicare che il bambino ha problemi alla vista. 

Una premessa: perché è importante fare prevenzione e portare i propri figli dall’oculista?

Un’indagine condotta dall’Osservatorio Nazionale sulla Salute dell’Infanzia e dell’Adolescenza ha consentito di portare alla luce dati piuttosto allarmanti riguardo l’approccio di molti genitori alla salute oculare dei loro figli. All’indagine hanno preso parte 1000 genitori circa, e 1100 bambini. Ecco alcuni dati emersi dall’indagine:

  • il 34% dei genitori usa ancora acqua borica oppure la classica bustina di camomilla in presenza di arrossamenti o secrezioni oculari;
  • il 20% dei genitori che nota un occhio “storto” nei propri figli, ritiene che probabilmente il problema si risolverà da solo con la crescita;
  • il 10% ritiene che per correggere l’ambliopia sia sufficiente un collirio e lo associa erroneamente alla miopia;
  • il 14% pensa che la miopia sia un difetto che si accentua durante le ore serali;
  • il 20% pensa che la miopia porti a vedere bene da lontano e male da vicino;
  • il 25% dei genitori pensa che sia sufficiente portare il bambino dall’oculista in età scolare.

Leggi anche: età dopo età, tutte le tappe della prevenzione oculare

Il bambino ha problemi alla vista: 5 segnali da non sottovalutare

1 – Strizza frequentemente le palpebre

Se il bambino strizza frequentemente le palpebre, forse lo fa perché fatica a vedere bene, e dunque sta cercando di mettere meglio a fuoco gli oggetti che ha davanti. O ancora, potrebbe esserci qualche agente esterno che gli provoca fastidio, specie se questo ammiccamento frequente è associato a rossore oppure a qualche secrezione.

2 – Un bambino con problemi alla vista ha spesso mal di testa

Il bambino lamenta spesso mal di testa? Forse queste cefalee sono il sintomo di un problema oculare, sia esso un affaticamento dovuto ad un difetto visivo trascurato, oppure una patologia. Non dimentichiamo che spesso si tende a pensare che i bambini vedano alla perfezione, e che difetti visivi e patologie siano prerogativa dell’età adulta. Non è così. Vi sono alcune patologie, dette congenite, che sono presenti già alla nascita. Altre, invece, esordiscono proprio in età infantile. Ecco perché i controlli in età pediatrica sono quanto mai importanti.

3 – Tiene la testa inclinata da un lato

Un bambino che tiene spesso la testa reclinata da un lato per leggere, scrivere, guardare la tv, potrebbe farlo perché ha un occhio che “lavora meno” oppure peggio dell’altro. Con questo tipo di postura, il piccolo cerca di favorire l’occhio sano e di vedere quanto meglio possibile. La diagnosi potrebbe essere quella di ambliopia (occhio pigro), oppure di un difetto visivo più marcato da un lato.

4 – Si strofina spesso gli occhi

Un bambino che si strofina spesso gli occhi potrebbe avere un difetto visivo sia congenito che in fase evolutiva, una manifestazione allergica, una patologia oculare. Il gesto di strofinare può essere associato al desiderio di accomodare, cioè di mettere meglio a fuoco il mondo intorno a lui, oppure a scacciare una sensazione di corpo estraneo. Anche in questo caso, la visita oculistica è d’obbligo.

5 – I suoi occhi sembrano non allineati o diversi tra di loro

Se gli occhi del vostro piccolo vi sembrano troppo grandi, troppo piccoli, diversi tra di loro, poco allineati, insomma se vi sembra di notare qualcosa che non va, non aspettate. Prenotate subito una visita oculistica specialistica pediatrica. Potrebbe non essere nulla, ma potrebbe anche essere un problema che necessita una soluzione, nell’interesse e per il bene del bambino. Evitate di formarvi un’opinione in autonomia, ma affidatevi sempre a chi ha le competenze per giudicare e valutare lo stato di salute visiva e stabilire se il bambino ha problemi alla vista.

Leggi anche: la miopia nei bambini, domande e risposte

Vuoi prenotare una visita oculistica specialistica pediatrica? Ecco il nostro recapito

Puoi chiamarci dal lunedi al venerdi dalle 9.00 alle 19.00 allo 02 6361191.

Cataratta, le 5 domande più frequenti

La cataratta è l’opacizzazione del cristallino dovuta all’invecchiamento, ma non solo. Traumi oculari, malattie sistemiche, difetti congeniti, possono essere altre cause della cataratta. L’Organizzazione Mondiale Della Sanità stima che la cataratta sia la prima causa al mondo di cecità ed ipovisione: nel 2010, il 51% della popolazione non vedente su scala mondiale si trovava in tale condizione a causa della patologia in questione. Per fortuna, tuttavia, si tratta di un problema risolvibile. Ma vediamo di rispondere a 5 tra le domande più comuni sulla cataratta.

1 – Che cos’è la cataratta?

All’interno del nostro occhio vi è una piccolissima lente naturale che, in condizioni normali, quando l’occhio è sano, si presenta come perfettamente trasparente. Questa lente prende il nome di cristallino. Quando essa si opacizza (cosa che può accadere per diversi motivi, anche se il più comune è l’invecchiamento), si ha la cataratta, una patologia che conduce ad un abbassamento della visione, ad una riduzione della vista, ad un cambiamento nella percezione dei colori (che si fanno via via meno vividi e brillanti), e ad un generale fastidio in presenza di luci intense soprattutto durante le ore serali e notturne.

2 – La cataratta fa diventare completamente ciechi?

La cataratta è una patologia che progredisce con gradualità, fino a condurre, nei casi più gravi, alla cecità. Non a caso, fino a diversi decenni fa, non era inusuale imbattersi in persone anziane non vedenti proprio a causa di questa patologia oculare. Dunque la risposta è sì, la cataratta fa diventare completamente ciechi. Tuttavia, oggi l’evenienza di diventare ciechi a fronte di una cataratta è davvero rara. Oggi, si consiglia di operare la cataratta prima che questa impatti gravemente la capacità visiva del paziente, per diversi motivi.

  1. Non vi è farmaco o terapia al mondo in grado di arrestare o invertire la progressione della patologia, dunque conviene operare quanto prima per evitare di andare incontro ad una ipovisione capace di mettere a repentaglio la stessa sicurezza del paziente (si pensi ad incidenti domestici o stradali);
  2. Una cataratta ad uno stadio molto avanzato può pregiudicare il generale stato di salute dell’apparato visivo, innescando un aumento di pressione intraoculare, che potrebbe a sua volta danneggiare il nervo ottico.
  3. Anche l’aspetto psicologico ed emotivo del paziente riveste un ruolo di primo piano. La compromissione della capacità visiva dovuta alla scelta sconsiderata di rimandare l’intervento magari per il timore dello stesso, può portare il paziente a veder minata la propria autostima a causa della crescente difficoltà a svolgere anche le minime azioni del quotidiano. La sensazione di impotenza e la compromessa autostima fanno anche sì che il paziente si senta improvvisamente invecchiato, triste e frustrato. L’intervento di cataratta, insomma, possiamo dire che faccia bene al corpo ma anche allo spirito.

3 – La cataratta può venire a un occhio solo?

La cataratta è generalmente una patologia a carattere bilaterale, anche se solitamente fa la sua comparsa prima ad un occhio e successivamente all’altro. In alcuni casi eccezionali, quando la cataratta si presenta a causa di un evento traumatico, può colpire un solo occhio. L’intervento per la rimozione della cataratta, noto anche come intervento di facoemulsificazione, si esegue solitamente dapprima ad un occhio, e dopo poche settimane all’altro.

4 – Esiste una medicina per curare la cataratta?

Come già anticipato al punto 2, non esiste alcuna medicina per curare, risolvere, arrestare o invertire la progressione della cataratta. Sicuramente vi sono degli accorgimenti che, per quanto concerne la cataratta senile, possono aiutare a ritardarne la comparsa: ci riferiamo ad una dieta molto sana a base di alimenti di stagione e che preveda l’introduzione di molti liquidi, ad uno stile di vita basato sul movimento e sull’attività all’aria aperta e ad una generale inclinazione verso il buon umore e l’ottimismo. Tuttavia, si tratta solamente di consigli di indole generale, che nulla hanno a che vedere con la medicina. Quando la cataratta si presenta, l’unica soluzione esistente è l’intervento di facoemulsificazione. Si tratta di un intervento di ultima generazione che, nei centri d’eccellenza, si effettua grazie ad uno speciale strumento ad ultrasuoni, il facoemulsificatore, in abbinamento ad un moderno laser a femtosecondi. Due strumenti ad altissima precisione che garantiscono un intervento preciso, sicuro, di breve durata, quasi per nulla rischioso sia nella fase intra che post operatoria e che non prevede l’uso di lame o bisturi.

5 – La cataratta può tornare dopo l’intervento?

Dopo l’intervento la cataratta non ritorna, perché il cristallino opacizzato è stato rimosso e quello artificiale che è stato collocato al suo posto non è soggetto ad opacizzazione ed anzi, durerà per tutta la vita del paziente. Una rara evenienza che si può verificare a seguito dell’intervento è la “cataratta secondaria“, un’opacizzazione della capsula posteriore che contiene il cristallino artificiale, risolvibile grazie ad un intervento laser di breve durata.

Hai altre domande?

In questo breve articolo abbiamo cercato di rispondere ad alcune tra le più comuni domande inerenti la cataratta. Se ne hai altre, se ti è stata diagnosticata la cataratta o è stata diagnosticata ad un tuo caro e desideri fare maggiore chiarezza sul tema, non esitare a contattarci. Siamo a tua disposizione dal lunedi al venerdi dalle 9.00 alle 19.00 allo 02 6361191.