Articoli

Glaucoma: 5 cose che forse non conosci

glaucoma - CAMO - Centro Ambrosiano Oftalmico

Il glaucoma è una delle patologie oculari più comuni assieme alla cataratta ed alle maculopatie. Nella sua forma cronica il glaucoma è una patologia silente e pressoché asintomatica, mentre nella variante acuta può essere doloroso e causare anche sintomi quali nausea e vomito. Tuttavia, la forma maggiormente diffusa è quella cronica. Tra i fattori di rischio troviamo l’età superiore ai 40-45 anni, la predisposizione familiare, ma anche patologie sistemiche come il diabete o l’ipertensione arteriosa. Tuttavia, ci sono 5 cose sul glaucoma che forse ancora non conosci. Scopriamole insieme.

1 – Fitness addicted? Ottima scelta!

Alcune ricerche scientifiche hanno ampiamente dimostrato che praticare sport, specie running all’aria aperta o attività aerobiche, aiuta a prevenire il glaucoma. Insomma, più fitness meno glaucoma!

2 – I trattamenti per il glaucoma esistono!

Per fortuna, i trattamenti per il glaucoma esistono. Si va dalle terapie farmacologiche, agli interventi laser, fino alle soluzioni chirurgiche. Una visita oculistica specialistica, approfondita e completa, è proprio quel che ci vuole per capire quale sia la strada giusta da seguire!

3 – Stress? No grazie!

Lavoro, figli, regali di Natale last minute rappresentano una grande forma di stress? Male! Secondo la scienza, lo stress può peggiorare lo stato di salute visiva di chi soffre di glaucoma. E allora, largo al buonumore!

4 – Un buon caffè non si nega a nessuno!

E’ risaputo che il caffè è una bevanda eccitante che può provocare un aumento della pressione arteriosa. Ad ogni modo, chi è affetto da glaucoma può consumare tranquillamente caffè e non è tenuto ad applicare alcuna restrizione alla sua dieta.

5 – Il glaucoma non è una patologia contagiosa

Il glaucoma non è una malattia infettiva e pertanto non è contagiosa. Potete quindi rassicurare i vostri parenti, che sicuramente non sapranno fare a meno di voi anche per il prossimo Natale!

Vuoi saperne di più?

Nella tua famiglia vi è qualcuno affetto da glaucoma? E’ da tanto che non ti sottoponi ad un controllo della salute visiva? Chiamaci dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 19.00 allo 02 6361191.

Apnee notturne e glaucoma, esiste una connessione?

apnee notturne - CAMO - Centro Ambrosiano Oftalmico

Il glaucoma è una patologia non ancora abbastanza nota ai più. La scarsa conoscenza delle sue caratteristiche ed il suo essere asintomatica soprattutto negli stadi iniziali, la rendono ancor più pericolosa per chi dovesse soffrirne. Oggi portiamo a conoscenza dei nostri lettori un altro aspetto piuttosto “subdolo” di questa patologia oculare, ovvero la sua connessione – provata scientificamente – con le apnee notturne. 

Cos’è il glaucoma?

Il glaucoma è una patologia oculare che provoca un aumento della pressione intraoculare che a sua volta può produrre danni irreversibili ed anche gravi all’apparato visivo, pregiudicandone il buon funzionamento. La forma più comune prende il nome di glaucoma primario oppure ad angolo aperto, ed è generalmente asintomatica. Fa il suo esordio intorno alla mezza età, e progredisce in modo lento ed inesorabile. Esiste anche un’altra tipologia di glaucoma, detta secondaria o ad angolo chiuso. I fattori di rischio del glaucoma sono la pressione intraoculare alta, l’età superiore alla quarantina circa, la familiarità, oppure la presenza di diabete o altre patologie sistemiche. Avrete notato che quando vi recate dall’oculista, questi vi misura il tono oculare: si tratta di un esame davvero molto importante per la diagnosi del glaucoma.

Leggi anche: Mantenersi in forma aiuta a prevenire il glaucoma, parola di scienza

Come si cura il glaucoma?

Il trattamento del glaucoma varia a seconda della tipologia e della sua progressione. La terapia può essere sia farmacologica che chirurgica. In questo secondo caso, è possibile intervenire sia in modo poco invasivo, con il laser, sia con un vero e proprio intervento, chiamato di “trabeculoplastica”, cioè mirato ad aiutare il deflusso dell’umor acqueo che si accumula all’interno delle strutture oculari. Per quanto riguarda i danni già arrecati dalla patologia al nervo ottico, si possono ottenere buoni risultati grazie al Collirio Montalcini, una rivoluzionaria molecola messa a punto dall’illustre studiosa che si basa sulla scoperta del Nerve Growth Factor, il fattore di crescita nervoso.

Leggi anche: il collirio NGF tra i grandi protagonisti di SITRAC 2018

Apnee notturne e glaucoma, qual è la connessione?

Uno studio recentemente diffuso dalla Glaucoma Research Foundation americana ha messo il luce la connessione tra gli episodi di apnea notturna e glaucoma. In particolare, stando ai risultati della ricerca, le persone che soffrono di diversi episodi per notte di apnee notturne mostrano un rischio di contrarre il glaucoma di ben 10 volte superiore rispetto a chi invece riposa normalmente. Questo accade perché le apnee ostruttive esercitano un effetto sul ritmo cardiaco e sulla circolazione sanguigna. Se la scoperta della connessione tra le apnee notturne e il glaucoma è recente, non si può dire lo stesso di quella tra le apnee ed ictus o infarti, che invece era già ben nota e statisticamente documentata dal mondo scientifico. I pazienti che soffrono di apnee notturne dovrebbero dunque aver cura di recarsi con frequenza anche dall’oculista, per accertare il proprio tono oculare, oltre allo stato di salute generale del proprio apparato visivo.

Fonte: Glaucoma.org