Intervento di cataratta: la facoemulsificazione

La tecnica della facoemulsificazione consiste nella rimozione del cristallino opacizzato mediante frammentazione ad ultrasuoni. Successivamente l’occhio, per focalizzare correttamente la luce sulla retina e quindi per vedere nitidamente, ha bisogno di una nuova lente che sostituisca quella opaca rimossa dalla facoemulsificazione: il cristallino artificiale (o lente intraoculare).

Questa tecnica si utilizza soprattutto per la rimozione della cataratta ed il trattamento della presbiopia.

Oggi nei centri di eccellenza come CAMO la facoemulsificazione è preceduta dall’utilizzo del laser a femtosecondi, per cui questa tecnica è anche detta femto-cataratta.

Ecco i vantaggi della facoemulsificazione associata all’uso del laser a femtosecondi:

  • E’ la tecnica più sicura e precisa;
  • L’intervento dura circa 20 minuti;
  • E’ indolore;
  • Consente una rapida guarigione;
  • Il recupero visivo è molto veloce;
  • L’intervento è eseguito nella maggior parte dei casi con anestesia topica (gocce di collirio);
  • Non sono necessari punti di sutura;
  • Non c’è bisogno di ricovero o immobilizzazione, il paziente torna a casa il giorno stesso dell’intervento;
  • L’occhio operato non viene quasi mai bendato e quando succede la benda si porta solo un giorno.